edemocracy

Immag­ine dal sito: http://www.comedonchisciotte.org/

Inizialmente non potevamo definirci “Movimento 5 Stelle Macerata” in quanto non c’erano elezioni in vista e non era ancora stata certificata la nostra lista, quindi la definizione che fu concordata a maggioranza e che ci caratterizzò nei mesi addietro era “Gruppo degli iscritti di Macerata al Movimento 5 stelle“.

Per le elezioni Amministrative nel 2015 a Macerata siamo riusciti a presentare la prima lista certificata per il Movimento 5 Stelle.
Da sempre, questo gruppo ha avuto una composizione eterogenea e per poter iniziare a lavorare insieme si andò a regolamentare le attività del gruppo tramite i principi, i modi, gli usi e le regole di comportamento di un gruppo informale costituito da persone che si ispirano al non statuto del Movimento 5 Stelle.

All’interno del nostro gruppo stiamo continuamente sperimentando la DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA per le dinamiche interne come laboratorio per ciò che si proporrà in modo più strutturato a tutta la cittadinanza.
La democrazia partecipativa è un processo che prevede il coinvolgimento diretto delle persone nelle decisioni che le riguardano.
Non si passa quindi attraverso rappresentanti eletti formalmente.
La democrazia partecipativa lavora per creare le condizioni per cui tutti i membri di un gruppo possano portare contributi significativi ai processi di decisione, concedendo a un numero sempre maggiore di soggetti l’opportunità di partecipare direttamente alle decisioni.
La democrazia partecipativa cerca di riunire decisori, organizzazioni della società civile e cittadini per discutere su temi di forte rilevanza pubblica e costruire decisioni maggiormente condivise.
Il successo di tali processi dipende anche dalla quantità e qualità di informazioni raccolte e scambiate.
L’utilizzo di tecnologie può fornire apporti consistenti al rafforzamento dei modelli partecipativi, in particolare quelle che rendono possibili narrazioni comunitarie e contribuiscono ad una crescita collettiva della conoscenza.
Tra gli elementi distintivi della democrazia partecipativa vi è l’uso del confronto argomentato tra soggetti e l’inclusione, cioè la possibilità dei destinatari potenziali di una certa decisione di essere inclusi nella decisione stessa, e possibilmente in condizione di parità.
La democrazia partecipativa ha la capacità di ravvicinare la vita delle istituzioni alle esigenze dei cittadini, ma anche di migliorare l’efficacia della funzione pubblica, la capacità di percezione e risposta della pubblica amministrazione.
Crediamo realmente che questo tipo di democrazia sia una risorsa per lo sviluppo locale e la coesione sociale e per la vita e l’identità delle comunità.

Il regolamento interno. E’ stato il primo documento redatto dal gruppo seguendo quei principi appena enunciati.

Pur essendo un gruppo informale di persone che si ritrovavano con lo spirito di lavorare insieme per migliorare l’ambiente circostante, è emersa l’esigenza di condividere un insieme di regole di carattere generale che regolassero in modo chiaro le attività all’interno del gruppo stesso. Il regolamento, quindi, non ha il valore ufficiale di uno statuto registrato, e vuole principalmente dare un indirizzo ai comportamenti dei singoli componenti, in maniera tale che le collaborazioni siano profique e redditizie.

Informazioni e contatti. Normalmente il gruppo si incontra nei locali della ex sede della Circoscrizione di santa Croce, in viale Indipendenza a Macerata.

Siamo realmente persone come te che stai leggendo, con i nostri problemi quotidiani e le nostre soddisfazioni legate alla vita di tutti i giorni, con un pò di tempo libero a disposizione da condividere per contribuire a costruire un mondo migliore (siamo ambiziosi… è vero). Se anche tu provi una forte insoddisfazione nei confronti della città che vivi, e vuoi provare a contribuire per un suo progresso, allora contatta il gruppo.

Riunioni e Assemblee. In questa altra pagina troverai le date degli incontri, con i relativi ordini del giorno e i successivi pro-memoria (nella speranza che ci sia sempre qualcuno che li rediga…).